News

23 Agosto 2016

Tra le ultime opere ristampate di Marcello Gallian, in libreria si segnala il romanzo:” Bassofondo”edito da Marsilio,nella biblioteca del novecento ( costo 12,50).Fu subito sequestrato dal partito fascista nel 1936 e dopo numerose mutilazioni ripubblicato con il titolo “In fondo al quartiere”. Come scrive nella prefazione Pietrangelo Buttafuoco: ”le pagine e le bastonate di Gallian, con un intero secolo alle spalle,non sono certo a noi contemporanee ma, pur archivio del modernariato,hanno ancora il vivido bagliore di un’esistenza poetica,irrituale e anti-borghese e perciò ancora oggi avanguardia”.E’ un romanzo sulle vite ai margini in un popolare e malfamato quartiere romano alla fine del primo conflitto mondiale. La figura rissosa del meno che ventenne Giovanni Timorato Di Dio e la sua vita di mantenuto al fianco di Lisa,matura merciaia di stoffe e tessuti,sono il filo di una storia che racconta la vita del vicolo,dei suoi abitanti,del bordello,della capacità del quartiere di fagocitare e inglobare anche chi come il protagonista vorrebbe affrontare il rione come una semplice tappa dell’esistenza per compiere un salto che non arriverà mai,complici il carcere, il fallimento della rivoluzione fascista,il semplice passare del tempo”.

A cura di Renzo Cremante,e’ uscito,da qualche tempo, il volume “L’avanguardia radicale di Marcello Gallian”,che raccoglie gli Atti del Convegno promosso dal centro di Ricerca sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei dell’Università di Pavia, a quarant’anni dalla morte di Marcello Gallian. Al convegno parteciparono oltre al Prof.Cremante,Umberto Carpi, Cesare De Michelis, Paolo Buchignani, Giovanni Capecchi, Anna Modena,Mauro Bignamini,Silvana Cirillo, Giacomo Pedini, Franco Contorbia, Nicoletta Trotta. Nell’introduzione si fa presente l’ambizione di avviare una non improvvisata indagine storica e critica sulla molteplice personalita’ e sull’opera rimossa e diseguale di uno scrittore e artista generalmente escluso dalle tavole ufficiali e dai prontuari d’uso della storiografia letteraria novecentesca,trovava un vantaggioso fondamento documentario nell’archivio dello scrittore,approdato al Fondo Manoscritti nel2002.
Le relazioni presentate al convegno ripercorrono- per exempla, ma forse per la prima volta in maniera articolata e coerente – l’intera, accidentata carriera di Gallian, nel suo vario e tormentato dispiegarsi tra letteratura, teatro e pittura, alternando l’analisi dei testi alle sintesi storiografiche e critiche. Se ne ricava, alla fine, un quadro complessivo che dallo scrittore romano trascorre alla vita culturale dell’Italia fascista,con particolare riguardo al milieu avanguardista,geograficamente e culturalmente periferico rispetto al calamitante polo fiorentino,dagli umori spericolatamente anarchici e antiborghese, indocile a qualunque possibilita’ d’ inquadramento.
Oltre a ricostruire le coordinate storico-ideologiche dello scrittore , i saggi raccolti analizzano,fra l’altro, il rapporto con gli editori e le collaborazioni giornalistiche, i procedimenti stilistici e formali del “ delirio barocco “ (Contini) della prosa di Gallian, l’itinerario sperimentale del drammaturgo,contrassegnato dalle stesse spinte trasgressive operanti nelle prove narrative. (Renzo Cremante insegna Letteratura italiana nell’Universita’ di Pavia).Stampato by Clueb(Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna). Costo E.31,00.

Il Comitato Direttivo del Centro Studi Marcello Gallian e’ stato convocato, il 18 Ottobre 2016 alle ore 18, per una riunione informale, dal Presidente Giampiero Gallian che relazionera’ sugli sviluppi dei lavori programmati nella riunione del 9 Ottobre 2015,a seguito della lunga degenza dopo il malore occorso nei mesi estivi 2015.

Giampiero Gallian

9 Ottobre 2015, riunione del Comitato Direttivo del Centro Studi Marcello Gallian

Nella riunione informale del Comitato Direttivo, convocata dal Presidente Giampiero Gallian, il 9 Ottobre 2015, si è approfondita la proposta di realizzare nel 2016 una Mostra Antologica delle opere di Marcello Gallian, con la presenza di un congruo numero di opere di collezionisti, mai esibite in mostre ufficiali. Il Presidente si è scusato per il rallentamento nei lavori delle iniziative programmate, dovuto alla malattia che lo ha colpito e tenuto lontano dalle attività operative per più mesi. Anche in merito al Convegno programmato nel 2015 si è valutato e deliberato di rinviarlo alla fine del 2016. Mentre per la realizzazione della Mostra si è dato mandato al Presidente di procedere celermente nei necessari contatti ed adempimenti.
Il Presidente ha, anche, comunicato che 4 collezionisti hanno inviato, su sua richiesta, foto di quadri dell’artista.
E’ stata quindi approvata la proposta di realizzare, su riviste specializzate e alcuni quotidiani, una inserzione pubblicitaria, con la richiesta ai collezionisti di inviare, al Centro Studi, documentazione e foto di quadri, disegni o testi autografati di Marcello Gallian, per realizzare la pubblicazione di un Catalogo quanto più possibile completo. Analoga richiesta sarà inviata ad Istituzioni nazionali.
Il Presidente convocherà il Comitato Direttivo ed il Comitato Scientifico, in seduta ufficiale, non appena esperito i necessari adempimenti.

Mostra Antologica delle opere di Marcello Gallian

La Mostra Antologica delle opere di Marcello Gallian, promossa dal Centro Studi  presso il Complesso dei Dioscuri al Quirinale,dal 14 al 24 ottobre 2013, ha avuto   vasti consensi in termini di pubblico e di critica.

La Mostra, di circa settanta dipinti su tela e  su tavola, mai esposti in precedenza, ha avuto oltre 20 recensioni  su quotidiani e   riviste anche on line,radio e tv. E’ stato realizzato anche un catalogo, di 72 pagine con saggi di Silvana Cirillo,Claudio Crescentini, Renzo Cremante, Cesare de Michelis, Paolo Buchignani, Nicoletta Trotta, con 42 illustrazioni a colori. Si può trovare ,in vendita, solo presso il Centro Studi Marcello Gallian, tel. 06 33220511, al costo di 10 euro più spese di spedizione,anziché 15 euro.

 

6 aprile 2014, riunione del Comitato Direttivo del Centro Studi Marcello Gallian

Per la prima volta,in via informale, si è riunito il 6 aprile 2014, il Comitato Direttivo del Centro Studi Marcello Gallian.  Il Presidente  Giampiero Gallian, dopo un breve saluto, ha aperto i lavori ,ed ha proposto alcune iniziative che dovranno essere approfondite nelle successive riunioni, tra queste:

1) un convegno dal svolgersi nel 2015, in una Università italiana (da prendere in considerazione quelle di Roma, Firenze, Padova, Pavia, Napoli, Reggio Calabria), su uno dei seguenti temi:

A) i “Racconti “di Marcello Gallian ed il “ realismo magico” di Massimo Bontempelli ;

B)  la vera e non inquinata storia della letteratura del novecento tra le due guerre e la posizione della figura dello scrittore Marcello Gallian.

2 ) La predisposizione di uno studio per la realizzazione,  nel 2016, di una Mostra dell’opera pittorica di Marcello Gallian, nello stretto rapporto tra lo scrittore e il pittore, da tenersi preferibilmente in una delle città fra Roma, Firenze, Napoli. E’ stato deciso che sarà predisposto un piano tecnico-finanziario, nel giro di pochi mesi,sondando anche le varie Università che possono essere interessate ed il Presidente convocherà  il Comitato Direttivo, in seduta ufficiale, non appena in possesso di tale piano tecnico-finanziario.

 

Atto costitutivo dell’Associazione” Centro Studi Marcello Gallian”

E’ stato formalizzato presso il notaio Antonio Sgobbo,l’atto costitutivo dell’Associazione” Centro Studi Marcello Gallian” , il 25 marzo 2014. Presidente del Consiglio Direttivo è stato nominato Giampiero Gallian,e Vice Presidente Marcello Gallian jr.  Il Centro Studi persegue lo scopo di diffondere, in Italia e nel mondo, la cultura  letteraria in genere,con particolare attenzione alla conoscenza ed alla valorizzazione dell’opera e del lavoro di scrittore, commediografo, pittore e di Intellettuale di Marcello Gallian attraverso iniziative pubbliche (art.3).

Organizza manifestazioni pubbliche , convegni,seminari, promuove pubblicazioni , interventi tramite i vari mezzi di comunicazione di massa(art.4 comma 2).  Tra l’altro supporta gli studenti universitari che intendono svolgere studi, ricerche e tesi sulla vita di Marcello Gallian,potendo, gli stessi, anche  avvalersi dell’esistenza, presso il Fondo manoscritti dell’Università di Pavia, di una ingente mole di docutentazione,di un ricco epistolario, di autografi relativi alle sue opere e di una vasta sezione bibliografia proveniente dalla famiglia Gallian (art.4 comma 5) .L’Associazione è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità  istituzionali, ne condividono lo scopo. Sono previste le seguenti categorie di soci: soci ordinari e soci onorari.

Sono soci ordinari tutti quelli che volendo partecipare  alle finalità ed essendo ammessi,ai sensi della normativa statutaria  vigente,realizzano gli scopi dell’Associazione. Sono soci onorari le persone fisiche o giuridiche,comunque interessate alle finalità proprie dell’Associazione,per cui,condividendone gli scopi, intendono testimoniare,in qualsiasi forma,la loro adesione,anche attraverso contribuzioni  o dando  lustro all’Associazione  per i loro particolari meriti. Essi sono assunti con tale qualifica  dal Consiglio Direttivo e possono essere esentati dal pagamento delle quote ( art.5) Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione dell’Associazione ed in particolare: fissa le quote di partecipazione (art.15 lettera f).

Attualmente il Comitato Scientifico è  formato  dal Prof.Renzo Cremante, dal Prof. Cesare de Michelis, dal Prof. Paolo Buchignani, dalla dott.ssa Nicoletta Trotta .

 

Pubblicazione del libro “ Il Santo maledetto”.

Paolo Buchignani,storico e scrittore,professore di Storia Contemporanea  all’Università  per Stranieri di Reggio Calabria,membro del Comitato Scientifico del nostro Centro Studi, ha pubblicato per Meridiano Zero, il libro “ Il Santo maledetto”.  …

Un potente ritratto letterario ,questo romanzo storico,originale trasfigurazione narrativa di quel “santo maledetto” che fu Marcello Gallian,un vero artista d’ avanguardia ,ribelle irriducibile. Racconta la sua storia affascinante e tragica, segnata nel profondo dai miti,dagli errori e dagli orrori di un secolo che volge al termine”.

Prime recensioni sono uscite sui quotidiani :  Corriere della sera,edizione di Firenze, Libero e Avvenire

 

Tesi di Laurea, sui racconti di Marcello Gallian comparsi su ‘900

Ho ricevuto  da Jacopo Galavotti una interessante e approfondita tesi di Laurea, discussa presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Padova, sui racconti di Marcello Gallian comparsi su ‘900, la rivista fondata da Massimo Bontempelli. Spero che si continui ad approfondire lo studio degli  scrittori del Novecento perché, come Galavotti dice, “la Storia è fatta di persone dimenticate troppo in fretta”.

Giampiero Gallian